Acronis Italy Partner Day, tra NIS2, AI e nuovi servizi Msp

Un evento per comprendere fino in fondo il panorama delle minacce e capire come collaborare con Acronis per sostenere la crescita del business.

Confrontarsi sui trend in corso in ambito cyber protection, aggiornare i partner sulle ultime novità annunciate, ma soprattutto stimolare un proficuo netwoking all’interno del proprio canale: tanti gli obiettivi raggiunti dalla prima edizione dell’Acronis Partner Day organizzato da Acronis Italia lo scorso 10 giugno a Milano. Forte il focus dedicato al mondo degli Msp/Mssp, sempre più rilevanti nella strategia di crescita del vendor, così come al tema della NIS2 e agli incombenti obblighi di legge previsti da questa direttiva.

L’evento si è tenuto a qualche mese di distanza dalla chiusura di un anno dagli ottimi risultati di revenue per Acronis Italia. In ambito b2b il balzo in avanti è stato addirittura del 40%. +35% l’incremento del business generato dai service provider, percentuale che nel 2024 è proiettata a un’ulteriore crescita, soprattutto in considerazione dei forti investimenti nel data center di Roma, struttura che recentemente ha ricevuto anche la qualificazione QI2/QC2 ed è quindi in possesso dei requisiti per la gestione dei dati e dei workload critici della Pubblica Amministrazione italiana. “I data center rappresentano un tassello fondamentale della nostra strategia e intendiamo continuare a investire in questa direzione per indirizzare la richiesta crescente di servizi. A livello globale contiamo oggi 54 infrastrutture, compresi quattro Google data center e tre Azure data center” afferma Katya Ivanova, chief revenue office di Acronis, sottolineando il forte interesse a stringere partnership con Msp di tutte le dimensioni con l’obiettivo di sviluppare percorsi di crescita altamente collaborativi. A loro disposizione il vendor è pronto a mettere tutto ciò che serve: dal supporto formativo ad attività di demand generation, da un partner portal completamente rinnovato a politiche di pricing basate sugli effettivi consumi dei clienti, da soluzioni realmente multi-tenancy alla localizzazione di tutte le risorse disponibili (interfacce, sito, asset marketing e supporto).

L’impatto della formazione sui risultati di business

Sul fronte dell’offerta, la proposizione di Acronis passa da una piattaforma di cyber protection costruita attorno alle reali esigenze degli Msp, nativamente integrata e altamente efficiente. “Una piattaforma, Cyber Protect Cloud, che integra security, backup/Dr e It management, andando a coprire tutti i pillar del framework NIST” spiega Ivanova, puntualizzando l’importanza di seguire percorsi formativi per coglierne il massimo delle potenzialità. Rilevanza sottolineata anche da Denis Cassinerio, general manager South Emea di Acronis (nella foto), pronto a fornire numeri concreti in merito all’impatto delle certificazioni sul business dei partner iscritti all’Acronis Academy: un incremento del 25% nei workload gestiti, un taglio del 40% nei ticket di supporto e una crescita del 104% nella vendita dei prodotti Acronis. “Live oppure on-demand, i training offrono gratuitamente percorsi commerciali e tecnici erogati in otto lingue. In Italia il numero di partner iscritti è cresciuto di anno in anno, passando dai 157 del 2021 ai 364 del 2023” afferma Cassinerio, lasciando la parola ai partner per alcune testimonianze dirette. “I livelli di competenza raggiunti con l’Academy sono stati di grande aiuto in fase di proposizione” spiega Luis Casagrande, Data Center manager di RackOne. “L’Academy rappresenta una palestra formidabile in cui i tecnici hanno l’occasione di allenarsi per poi essere pronti a indirizzare con massima efficacia le diverse esigenze dei clienti” aggiunge Piero Malfona, Security Division director di Skybackbone Engenio. “Siamo entusiasti della piattaforma Acronis e grazie all’Academy abbiamo acquisito tutte le competenze per spiegarne le unicità ai nostri clienti, tipicamente piccole realtà sprovviste di It dedicato” puntualizza Maurizio Galvagno, senior manager Hardware Service di Cgm, partner recentemente entrato a far parte del network Acronis e specializzato nel settore Healthcare.

L’AI a servizio della NIS2

Nel corso dell’Acronis Partner Day ampio spazio è stato dedicato alla direttiva NIS2, presto in vigore. Su questo fronte Acronis sta accompagnando i suoi partner nella comprensione delle nuove regole cogenti e dell’occasione che rappresentano sul fronte dei servizi. “Nuove regole che per essere osservate trovano nell’AI un aiuto importante, così come riconosce la stessa NIS2. Da questo punto di vista, Acronis già oggi mette a disposizione numerosi tool di intelligenza artificiale e ML, in grado di supportare le aziende ai fini della NIS2” chiarisce Cassinerio, portando esempi d’uso di questi tool: algoritmi avanzati per la detection comportamentale delle azioni sospette; report istantanei che permettono di capire facilmente come mitigare un attacco; generazione di script basati sull’AI per ridurre le finestre di rischio; e il monitoraggio continuo sullo stato di rischio, affiancato da avvisi intelligenti, per aiutare a reagire velocemente alle varie minacce.

Al via Acronis XDR

Particolarmente articolata, la roadmap evolutiva 2024 del portfolio di Acronis ha già visto in questi giorni il lancio di un importante tassello strategico aggiuntivo, Acronis XDR. Facile da distribuire e gestire, la soluzione amplia l’attuale offerta EDR per gli endpoint con una soluzione di cyber security totale e integrata in modo nativo che include protezione dati, gestione degli endpoint e ripristino automatico. Specificamente progettata per gli Msp, protegge le superfici di attacco più vulnerabili, garantisce continuità operativa e assicura un elevato livello di efficienza delle attività di avvio, gestione, scalabilità e distribuzione dei servizi di sicurezza. La soluzione include anche l’analisi degli incidenti supportata dall’intelligenza artificiale e la possibilità di reagire con un solo clic per avviare rapidamente indagini e azioni di risposta.
L’introduzione di Acronis XDR amplia la serie di soluzioni di sicurezza presentate da Acronis a partire dall’offerta Edr rilasciata l’anno scorso e si va ad aggiungere al servizio Acronis Mdr lanciato a inizio anno.


Claudia Rossi

Giornalista professionista, dal 1993 scrive di tecnologie ICT analizzando l’impatto dell’innovazione sul business di tutti gli attori in gioco: dai vendor tecnologici agli utenti, passando per gli operatori di cana...

Office Automation è il periodico di comunicazione, edito da Soiel International in versione cartacea e on-line, dedicato ai temi dell’ICT e delle soluzioni per il digitale.


Soiel International, edita le riviste

Officelayout 197

Officelayout

Progettare arredare gestire lo spazio ufficio
Aprile-Giugno
N. 197

Abbonati
Innovazione.PA n. 55

innovazione.PA

La Pubblica Amministrazione digitale
Maggio-Giugno
N. 55

Abbonati
Executive.IT n.2 2024

Executive.IT

Da Gartner strategie per il management d'impresa
Marzo-Aprile
N. 2

Abbonati